Corbyn can kick off a revolution among Europe’s political elites – an interview with Michael Hartmann

Michael Hartmann is a German sociologist and political scientist. During his academic career he has analysed the transformation of European and global elites. He spoke to Alexander Damiano Ricci about 30 years of changes in the European ruling class: from Thatcher to Corbyn, from Podemos to Syriza, from the Eurosceptics to Maastricht.

Michael Hartmann is a German sociologist and political scientist. During his academic career he has analysed the transformation of European and global elites. He spoke to Alexander Damiano Ricci about 30 years of changes in the European ruling class: from Thatcher to Corbyn, from Podemos to Syriza, from the Eurosceptics to Maastricht.

Professor Hartmann, what is the elite?

The elite is comprised of people who have the ability to significantly influence social developments thanks to their institutional position or economic status. More specifically, elite representatives are members of the Government, leading profiles within the public administration and the judiciary of a country, as well as chief executive officers of large national companies. Specific people working in the media sphere can also be brought into the picture.

How many people make up the elite of a country?

About 2000 people.

How accessible is the elite?

It really depends on which elite-branch and country we are talking about. For instance, in Germany, 75% of the chief economic officers who are part of the economic elite stem from the richest 4% of the population. Among German political elites, on the other hand, the figure drops down to 50%. In France the numbers are slightly different and rise to 90 and 60%, respectively. This implies, on the one hand, that the economic elite is more exclusive than the political one, generally speaking. On the other hand, it tells us that France has more “exclusive” features compared with Germany.

In recent years there has been much talk of the influence of the ‘ordoliberal’ economic theory on European elites. Would you agree with that?

Ordoliberalism is a theoretical paradigm rooted in the German political elite. The neoliberal Anglo-Saxon paradigm, on the other hand, continues to be the reference among economic elites, in general. Anyhow, concerning the fundamental choices of economic policy, such as those relating to taxation and fiscal policies, both doctrines claim that taxes must be lowered.

Can you describe the evolution of European elites over the last decades?

We observed the last significant turn within elites when Thatcher took power in the UK. More specifically, at that time within the British Conservative Party the neoliberal paradigm gained traction. The transition was accompanied by a fully fledged shift in the composition of the Government’s staff. If, before Thatcher, the Labour government featured 30% of people stemming from the upper bourgeoisie, that same number reached the staggering proportion of 80%. From an ideological point of view, all other European countries subsequently followed that paradigm shift.

Today, in the UK, Corbyn is driving a new transformation. Can the latter be understood as another historical structural change of the elites?

Definitely. And, by the way, it is not a coincidence that this new change is occurring in Thatcher’s country. Several generations of British citizens experienced the consequences of neoliberal policies. The increase in university fees with the resulting indebtedness of younger generations, the crisis in the real estate market and the phenomenon of “zero hour” contracts are significant examples. But now the “zeitgeist” has changed. And Corbyn says: “For the many, not the few” …

Credit: Flickr/R Barraez D´Lucca. Some rights reserved

Is there a massive dose of populism in Corbyn’s rhetoric and strategy?

No. Corbyn grasped “the” thing: there is a feeling that for 35 years politics has operated exclusively in the interests of wealthier classes.

Using your analytical lenses, thanks to Corbyn, the British political elite could change with the next election. But not the economic one …

That’s right. And the latter will lead a fierce opposition to Corbyn. However, the Labour leader can count on the support of social movements, the grassroot and intermediate levels of his Party, the trade unions and, last but not least, significant chunks of the public administration. And, of course, Brexit divided the economic elite.

What do you mean?

Brexit is a symptom of the poor cohesion within the British economic elite. If compared to other economic elites in Europe, the former is the only one that has undergone a massive process of internationalisation. This dynamic created a gap between the economic elite and the conservative political ruling class.

Will Corbynism also affect other countries in Europe?

Yes, there are mechanisms of imitation at play.

Yet, that imitation process did not happen if we look at the establishment of Podemos for example…

Podemos has to be understood as a political phenomenon strictly related to the Spanish real estate crisis of the late ’00s.

Not even Syriza delivered change at a European level …

In that case the German elite wanted to show that there could not be an alternative to the status quo. A strategy that could not be used in Spain at the height of the crisis: European political elites relied upon the ability of Rajoy to deal with social upheavals.

Yet, speaking of smaller countries, Portugal managed to establish an alternative …

… Which, with all due respect, does not affect the European public debate.

The point is, why should the United Kingdom become a model? In the end, it just decided to leave the European Union.

The United Kingdom has historically been a point of reference for anybody interested in politics. Moreover, a disruptive change in one of the main European social democratic parties cannot go unnoticed.

In fact, it also happened with Tony Blair and the ‘Third Way’…

Of course, the years of Schroeder bear witness. Now instead, especially for the young SPD levers, Corbyn is “the” model.

What about Schulz and the rest of the national SPD leadership?

Only some local representatives overtly endorsed Jeremy Corbyn.

So there will be no substantial changes in German social democracy, thanks to changes in the Labor party in the short term?

I don’t think so.

Earlier this year, after the German general elections, rumours spread about an internal struggle within the German left-wing party, Die Linke. What’s going on?

First of all, it makes no sense to talk about a crisis within Die Linke. Secondarily, the point is that the left has to live with a substantial mutation of its electorate. Leftist parties attract young people with high levels of education, not the victims of the economic system. This truth holds for anyone: Die Linke, Sanders in the US, or Corbyn in the UK. And it creates disruptions.

With all due respect for leftist parties, this is not good news …

Subordinate classes want to see a change. But for years the left did not exceed the 10% threshold. That’s a fact. As a result, nowadays voters opt for a “scandalous” choice like the AfD (Alternative for Germany), sending a signal to the system.

In an interview, you said that elites hold the main responsibility for the crisis. Are you a populist?

No. Yet, populism sheds light on real problems. Some people think that ordinary people get duped by populists.

Would you argue against that?

People are able to assess their living conditions better than anyone else. And the variations of the latter represent the benchmark for judging economic and social transformations at large.

Still, why would elites be the main culprits of the crisis?

They are, because, at any level – political, economic, administrative, judicial and in the media – they have made sure that the living conditions of the majority of the population have remained unchanged or worsened.

I insist. You are giving a few thousand people responsibility for the living conditions of millions of citizens. How can you claim that?

Because we are talking about people who, by definition, have the ability to “significantly influence” economic and social changes.

Can you give us some concrete examples?

The best example is still the setup of fiscal policies. Today we are obsessed by the goal of achieving a budget balance. However, there are two options to get there: spend less and cut welfare services, or use the tax lever to recover resources where they are accumulated, that is to say among large companies and wealthy classes.

So what?

The second road is never traveled. Moreover, there are narrow circles of people, the elites precisely, who have the last word about it.

That’s not true: political decisions are the result of a process …

This does not mean that the final decision is not taken by a few people.

That’s why we have intermediate bodies that can tackle these decisions and oppose them.

Too bad that the weakening of trade unions was, in many cases, a goal of the very same elite.

Nowadays, in response to global neoliberalism, political forces across Europe are increasingly discussing the return to a sort of economic patriotism. Do you think that would be the right solution?

No. Some issues need to be managed at a continental level. It is necessary to remain in a European framework somehow. But it is true that the national level remains the relevant playground for assessing the social effects of policies.

For some, however, the problem relies on “Brussels”…

Even today, contrary to what many political parties are ready to admit, the national level holds great autonomy. Again, fiscal policy remains a national instrument. The latter tool can be used to counteract capital flight or, for instance, implement redistributive policies.

Too bad there is the Maastricht Treaty in the way. Or are you saying that the latter does not count for anything?

Significant redistribution policies can be implemented within the 3% deficit rule. Secondly, the Maastricht ceiling can be overcome. Schroeder showed it first in early 00’s.

The ECB at dusk. Flickr/Christian Dembowski. Some rights reserved

Should Italy do the same today?

Of course, Italy is far too important for the EU. Nobody would risk letting the country go away. That’s why, a lot of budgetary flexibility will be granted to Rome. After all, the Commission did the same with France. At the same, time, I do not believe that a majority of Italian citizens would favour an exit from the Union or the Euro.

But don’t you think that an “Ital-exit” would represent a quicker way to solve the crisis?

No, there is no need for that. It would suffice that Italy, France, Germany and Spain implement coordinated progressive policies at the national level.

Too bad that a part of the Italian population thinks that Berlin operates only in the German national interest. In other words, some do not see enough political will for a change in Germany. By virtue of this immobility even people on the left have started talking about leaving the Euro.

The exit from the Common currency area does not solve the problems, let alone the dependence on Germany. When Mitterrand, during his first government, tried to make economic policies in the French interest, there was no Euro around. Nevertheless, there was a point of reference: the German D-Mark, an economically and politically strong and binding currency, as much as the Euro is today.

Yet, national authorities could de-valuate at will restoring competitivity. 

That’s true, but the German central bank still remained the point of reference. It was France that called for the Euro, with the aim to tie the hands of the Bundesbank, not vice versa. We might argue if that worked out, but a come back of national currencies is an illusion, because the latter does not lead to decreasing German economic power.

Could it loosen the political influence of Germany?

The failure of the negotiations between the CDU, the FDP and the Greens in the context of the so called “Jamaica” coalition, shows that German political power is crunching. If Angela Merkel fails to establish herself at home, she will also have a hard time at the European level. It means that there will be opportunities for a change. Furthermore, the German political elite will have to react to the transformations led by Corbyn in the United Kingdom and Macron in France.

How?

That’s hard to say. The most  important point is that Corbyn and Macron are moving in diametrically opposed directions.

(Political Critique, 29.12.2017).

Photo CC Flickr: Andy Miah

Michael Hartmann: “Corbyn come Thatcher: può avviare una rivoluzione nelle élite europee”

Michael Hartmann è un noto sociologo e politologo tedesco. Nel corso della sua carriera accademica si è occupato della trasformazione delle élite europee e globali, un tema trattato anche nel testo “The sociology of elites” (Routledge, 2006). Il suo ultimo libro si intitola “Le élite economiche globali. Una leggenda” (Campus Verlag, Francoforte sul Meno, 2016), monografia che sfata il mito della mobilità assoluta dei fattori produttivi e della delocalizzazione.  Da Thatcher a Corbyn, passando per Podemos, Syriza e gli euroscettici: un dialogo con Il Salto su 30 anni di mutamenti nella classe dirigente europea.

Michael Hartmann è un noto sociologo e politologo tedesco. Nel corso della sua carriera accademica si è occupato della trasformazione delle élite europee e globali, un tema trattato anche nel testo “The sociology of elites” (Routledge, 2006). Il suo ultimo libro si intitola “Le élite economiche globali. Una leggenda” (Campus Verlag, Francoforte sul Meno, 2016), monografia che sfata il mito della mobilità assoluta dei fattori produttivi e della delocalizzazione.  Da Thatcher a Corbyn, passando per Podemos, Syriza e gli euroscettici: un dialogo con Il Salto su 30 anni di mutamenti nella classe dirigente europea.

Professor Hartmann, cosa è l’élite?

Sono persone in grado di influenzare significativamente le evoluzioni sociali grazie alla loro posizione istituzionale o di status economico. Ne fanno parte i membri del Governo, le punte dell’amministrazione pubblica e della giustizia, i dirigenti delle grandi aziende nazionali, ma anche determinate figure del mondo dei media. In questo senso si può parlare rispettivamente di élite economica, dei media, politica o amministrativa.

Quante persone costituiscono l’élite di un Paese?

Circa 2.000 persone.

Quanto è accessibile l’élite?

Dipende di quale settore e Paese parliamo. Per esempio, in Germania, il 75% degli amministratori delegati che fanno parte dell’élite economica, provengono dal 4% più ricco della popolazione. Nella politica invece, la percentuale è del 50%. In Francia queste percentuali salgono al 90 e 60% rispettivamente. Ciò vuol dire, da un lato, che l’élite economica è più esclusiva di quella politica. Dall’altro, che la Francia ha tratti più “esclusivi” della Germania.

Negli ultimi anni si è parlato molto dell’influsso della teoria economica ordoliberale sulle élite europee. Quanto c’è di vero?

L’ordoliberalismo è un paradigma radicato nell’élite politica tedesca. Il modello neoliberale anglosassone rimane invece quello di riferimento per le élite economiche in generale. In ogni caso, con riferimento alle scelte fondamentali di politica economica, come, per esempio quelle attinenti alla fiscalità, le dottrine concordano: le tasse vanno abbassate.

Qual è stata l’evoluzione delle élite europee negli ultimi decenni?

Con Thatcher si avviò l’ultimo mutamento sostanziale nelle élite politiche. Più nel dettaglio, nel Partito conservatore britannico si affermò appunto il paradigma neoliberista. La transizione fu accompagnata da un ricambio nello staff governativo. Se nel precedente governo un terzo del personale proveniva dall’alta borghesia, con Thatcher si passò all’80%. Successivamente, tutti gli altri Paesi si sono aggiunti al cambio di paradigma.

Proprio nel Regno Unito, oggi, Corbyn sta guidando una nuova trasformazione. Può essere paragonata a un altro storico mutamento strutturale delle élite?

Sì. E non è un caso che avvenga nel Paese di Thatcher. Nel Regno Unito ci sono diverse generazioni che hanno vissuto le conseguenze delle politiche neoliberiste. Sono esempi rilevanti l’aumento delle tasse universitarie con il conseguente indebitamento dei giovani, la crisi del mercato immobiliare e il fenomeno dei contratti “a zero ore”. Ma il zeitgeist è cambiato. Contestualmente Corbyn proclama “For the many, not the few”…

Populismo all’ennesima potenza?

No, Corbyn ha colto il punto: c’è la sensazione che per 35 anni la politica abbia operato nell’interesse delle classi abbienti.

Usando il suo approccio, con le prossima elezioni potrebbe cambiare l’élite politica britannica. Ma non quella economica.

Esatto. E quest’ultima condurrà una strenua opposizione a Corbyn. Ma il leader del Labour può far valere l’appoggio dei movimenti, dei livelli grassroot e intermedi del Partito, dei sindacati e della pubblica amministrazione. E poi la Brexit ha diviso l’élite economica.

Cioè?

La Brexit è un sintomo della scarsa coesione dell’élite economica britannica. Quest’ultima, tra quelle dei grandi Paesi, è l’unica ad essersi internazionalizzata. Ciò ha causato un de-ancoraggio tra élite economica e classe dirigente conservatrice.

Il corbynismo influenzerà anche gli altri Paesi?

Sì, esistono meccanismi di imitazione.

Perché non ha funzionato con Podemos?

Podemos è un fenomeno prettamente legato alla crisi immobiliare di fine anni Duemila.

 

CC Flickr: Barcelona En Comú

Nemmeno Syriza è stata una miccia per un cambiamento …

In quel caso l’élite tedesca ha voluto dimostrare che non poteva esserci un’alternativa allo status quo. Una strategia che non poteva essere utilizzata in Spagna, dove si è fatto affidamento alla capacità di Rajoy.

Eppure il Portogallo è riuscito a creare un’alternativa…

… che non incide sul dibattito pubblico europeo.

E allora perché il Regno Unito dovrebbe diventare un modello? In fondo ha deciso di uscire dall’Ue.

Il Regno Unito ha storicamente rappresentato un punto di riferimento nella politica. Un cambiamento in uno dei principali partiti socialdemocratici europei non passa inosservato.

In effetti, accadde anche con Tony Blair e la “Terza via”.

Sì, ne sono testimonianza gli anni di Schroeder. Ora invece, soprattutto per le giovani leve della Spd, è Corbyn il punto di riferimento.

E per Schulz e il resto della dirigenza nazionale?

No, a eccezione di qualche rappresentante locale.

Quindi non ci saranno cambiamenti sostanziali nella socialdemocrazia tedesca, grazie ai mutamenti nel Labour?

No.

Dopo le elezioni di settembre, si parla di una crisi interna alla Die Linke. Quanto c’è di vero?

Poco. Quel che sta avvenendo è una mutazione dell’elettorato della sinistra: attira giovani con alti livelli di educazione, non le vittime del sistema economico. Vale sia per Die Linke che per Sanders o Corbyn. Ciò crea scombussolamento.

Gramsci si rivolterebbe nella tomba…

Le classi subalterne vogliono vedere un cambiamento. Ma da anni la sinistra non supera la soglia del 10%. Di conseguenza quell’elettorato opta per un voto “scandaloso” come quello dell’Afd (Alternativa per la Germania, tdr.): almeno si lancia un segnale al sistema.

 

CC Flickr: Fraktion DIE LINKE. im Bundestag

In un’intervista, lei ha affermato che le élite sono le principali colpevoli della crisi. Lei è un populista?

No. Ma il populismo illumina problemi reali. C’è chi pensa che le persone comuni si facciano abbindolare dai populisti.

E non è così?

Le persone riescono a valutare le proprie condizioni di vita meglio di chiunque altro. E le variazioni di queste ultime rappresentano il parametro di riferimento per giudicare le trasformazioni economiche e sociali.

Perché le élite sarebbero i principali responsabili della crisi?

Lo sono perché, a qualsiasi livello – politico, economico, amministrativo, giudiziario e mediatico – hanno fatto in modo che le condizioni di vita della maggioranza della popolazione siano rimaste invariate o peggiorate.

Insisto. Lei sta dando a qualche migliaio di persone la responsabilità per le le condizioni di vita di milioni di cittadini. Come può affermare una cosa del genere?

Perché stiamo parlando di persone che, per definizione, hanno la capacità di “influire in maniera significativa” sui mutamenti economici e sociali.

Faccia degli esempi concreti.

L’esempio per eccellenza rimane la politica fiscale. Oggi si parla continuamente di pareggio di bilancio. Ma esistono due opzioni per arrivarci: spendere meno e tagliare servizi di welfare, oppure usare la leva fiscale per recuperare risorse dove sono accumulate, ovvero tra le grandi aziende e i ceti benestanti.

E quindi?

La seconda strada non viene mai percorsa. E sono circoli ristretti, le élite appunto, che hanno l’ultima parola a riguardo.

Non è vero, le decisioni politiche sono il risultato di un processo.

Ciò non toglie che la decisione finale venga presa da poche persone.

Esistono sempre i corpi intermedi che possono opporsi.

Peccato che l’indebolimento dei sindacati sia stato, in molti casi, un obiettivo della stessa élite.

Oggigiorno, in risposta al neoliberismo globale, in Europa si discute sempre di più del ritorno a una sorta di patriottismo economico. Crede che sia la soluzione giusta?

No. Alcune questioni devono essere gestite a livello continentale. È necessario rimanere in un quadro istituzionale europeo. Ma è vero che il livello nazionale rimane il livello politico rilevante per valutare gli effetti sociali delle politiche.

Per alcuni però il problema è Bruxelles.

Ancora oggi, rispetto a quanto non si ammetta pubblicamente, il livello nazionale detiene una grande autonomia. Di nuovo, la politica fiscale rimane uno strumento nazionale. Con questa si può contrastare la fuga di capitali o, per esempio, mettere in atto politiche redistributive.

Sta dicendo che Maastricht non conta nulla?

Si possono fare politiche redistributive significative all’interno del 3%. In secondo luogo, il tetto di Maastricht si può sforare. Lo ha dimostrato proprio Schroeder.

L’Italia dovrebbe fare lo stesso?

Sì, Roma è importante per l’Ue. Nessuno rischierebbe di farla uscire. All’Italia verrà concesso molto. Del resto con i francesi è stato fatto lo stesso. Inoltre non credo che la maggioranza degli italiani sia a favore dell’uscita dall’Unione o dall’Euro.

Ma non crede che un “Ital-exit” rappresenterebbe una via più rapida per risolvere la crisi?

No, non ce n’è bisogno. I primi quattro Paesi dell’Ue – Italia, Francia, Germania e Spagna – implementino politiche progressiste a livello nazionale, coordinandosi.

Peccato che una parte della popolazione italiana pensi che Berlino operi soltanto nell’interesse nazionale tedesco. In altri termini, non ci sarebbe sufficiente volontà politica per un cambiamento. In virtù di questo immobilismo, anche a sinistra, si comincia a parlare di uscita dall’Euro.

L’uscita dall’area valutaria non risolve i problemi, tanto meno la dipendenza dalla Germania. Quando Mitterrand, durante il suo primo governo, cercò di fare delle politiche economiche nell’interesse francese non c’era l’Euro, ma, di fatto, esisteva un punto di riferimento: il Marco tedesco, una valuta economicamente e politicamente forte e vincolante quanto l’Euro.

Però si poteva svalutare a piacimento.

Sì, ma la Banca centrale tedesca rimaneva comunque il punto di riferimento. L’Euro è stato introdotto su impulso francese per “legare le mani” alla Bundesbank, non viceversa. Si può discutere quanto abbia funzionato, ma il ritorno alle valute nazionali è un’illusione, perché non determina una riduzione del potere economico tedesco.

E di quello politico?

Il fallimento delle negoziazioni tra Cdu, Fdp e Verdi in Germania dimostra che il potere politico tedesco scricchiola. Se Angela Merkel non riesce a imporsi in casa, avrà difficoltà anche a livello europeo. Vuol dire che ci saranno delle opportunità. Inoltre, l’élite politica tedesca reagirà ai mutamenti guidati da Corbyn nel Regno Unito e Macron in Francia.

In che modo?

Difficile da dire. Il problema è che Corbyn e Macron vanno in direzioni diametralmente opposte.

(ilSalto, 29.12.2017).

Photo CC Flickr: Andy Miah

“Il sindacato? Più europeo”. Intervista con George Dassis, Presidente del Comitato economico e sociale europeo (CESE)

Georges Dassis: “Il Sindacato? Più europeo” (Corriere della Sera – L’Economia, 20.11.2017)

Dal Paese della tolleranza al razzismo legittimo. Come e perché l’Olanda è arrivata a Wilders – Intervista con Philomena Essed

L’Olanda è vista da molti come il Paese della “tolleranza”. Eppure, in questa campagna elettorale, il Partito per la Libertà (Pvv) di Geert Wilders ha consolidato il proprio successo attraverso un programma islamofobo e xenofobo. Ne abbiamo parlato con la Professoressa Philomena Essed, docente dell’Università di Amsterdam che si occupa di razzismo, giustizia sociale e forme di discriminazione.

L’Olanda è vista da molti come il Paese della “tolleranza”. Eppure, in questa campagna elettorale, il Partito per la Libertà (Pvv) di Geert Wilders ha consolidato il proprio successo attraverso un programma islamofobo e xenofobo. Ne abbiamo parlato con la Professoressa Philomena Essed, docente dell’Università di Amsterdam che si occupa di razzismo, giustizia sociale e forme di discriminazione.

Professoressa Essed, cosa sta succedendo nei Paesi Bassi?

Occorre una premessa: non bisogna mai scordarsi che l’Olanda è stato storicamente un Paese di commercianti. Questi ultimi sono maestri nel costruire un “brand” quando serve. Nel caso dei Paesi Bassi, si potrebbe dire che si tratti, appunto, del marchio della “tolleranza”.

Cosa vuole dire?

Che non sono sorpresa del successo di Geert Wilders. Il Paese ha fondamenti economici solidi e si trova in una buona condizione.

E perché questo dovrebbe portare all’affermazione di un leader populista come Wilders?

Perché nonostante la situazione economica sia buona, l’Olanda è un Paese di piccole dimensioni, in cui la percezione del rischio di sopraffazione per opera di altre nazioni o popolazioni, è sempre stata presente. Non ruota tutto intorno all’economia: ci sono altri fattori che spiegano l’avanzata di Wilders.

Elementi culturali?

Certo. Ma anche storici. Non si può capire Wilders senza considerare la storia coloniale del Paese e, conseguentemente, l’evoluzione del razzismo in Olanda.

Sta dicendo che esiste una problema di “razzismo” nei Paesi Bassi che spiega il successo del Pvv?

Esiste una problematica legata al “razzismo” nei Paesi Bassi, come nel resto dell’Europa: in Germania, Francia, Svezia, Spagna, Italia, ecc. Tutti i Paesi condividono uno stesso problema che deriva dallo sviluppo storico e culturale del Continente e dell’identità europea.

Quali sarebbero i tratti distintivi del razzismo in Olanda?

Innanzitutto, l’aspetto del “diniego”, ogni qualvolta si accenna al problema: la popolazione olandese si sente moralmente al di sopra della questione. In secondo luogo, la pretesa di “innocenza”: un cittadino olandese accusato di razzismo, risponderebbe semplicemente che “non è possibile” e che, ovviamente, è stato frainteso. In definitiva, si tratta di aspetti legati alla percezione “morale” di se stessi. Un elemento che complica molto la risoluzione del problema sociale.

Perché?

Quando una persona percepisce il razzismo come un problema prettamente “morale”, è difficile che possa accettare la realtà dei fatti. Ciò lo obbligherebbe infatti ad ammettere un proprio “fallimento morale”.

Ma come si può guardare altrimenti al razzismo, se non in termini morali?

Il razzismo implica sempre una “relazione di potere”. Se si è in grado di guardare al problema attraverso questa lente, è più facile condurre un’autocritica (nonostante, l’elemento morale sia comunque presente).

Quali sono le prove che esiste un problema diffuso di razzismo in Olanda?

I dati indicano che il problema esiste: dalla segregazione nelle scuole, a quella nel mercato del lavoro, passando per quella urbanistica. Per non parlare dello sbilanciamento nella rappresentazione fisica e di prospettive nei media delle diverse comunità etniche che vivono in Olanda.

Non sarebbe più adeguato chiamare il fenomeno semplicemente “discriminazione”?

Quella che propone è una strategia argomentativa vecchia ed erronea. Purtroppo le persone non leggono la letteratura accademica e tendono, quindi, a diluire il problema in questo modo. Il punto è che il discorso sulle “discriminazioni” riduce il fenomeno razzista a pura “ideologia”.
Anche per l’Organizzazione delle Nazioni Unite, il razzismo non è semplicemente un’ideologia: è una pratica, un processo, una struttura. E la “discriminazione” è un meccanismo di funzionamento del razzismo. Il punto è che le persone non vogliono parlare di razzismo perché tendono a equipararlo esclusivamente all’Olocausto.

Prima ha menzionato la parola “colonialismo” e il concetto di “evoluzione del razzismo” in Olanda come fattori che spiegano il successo di Wilders. Di quale evoluzione parla?

In Olanda sono esistite, ed esistono, varianti “qualitative” di razzismo che non si escludono a vicenda, e che hanno colpito diverse minoranze etniche nel corso del tempo. Per esempio, storicamente, il primo tipo di razzismo è quello “paternalistico”, diretto agli immigrati che provenivano dalle colonie.

E quali erano i tratti distintivi?

Un impianto normativo-politico secondo il quale gli immigrati dai Caraibi e dall’Indonesia potevano essere educati completamente alla – e socializzati all’interno della – civiltà occidentale. In altri termini, che potessero diventare il “più olandesi possibile”.

“Più olandesi possibile”?

Nei Paesi Bassi c’è un proverbio che dice “se ti comporti in maniera normale, sei sufficientemente pazzo”. Tradotto nelle dinamiche sociali, significa che gli immigrati del periodo post-bellico dovevano essere totalmente assimilati. È un tipo di razzismo che non è scomparso del tutto, ma che è stato oscurato dal di razzismo ”competitivo”, ovvero quella convinzione in base alla quale ci siano gruppi di persone che vogliono sopraffarti nel “tuo” Paese.

Stiamo parlando del “classico” immigrato dell’Est che viene a rubare il lavoro …

Esatto. Ma in Olanda questo tipo di razzismo è stato diretto soprattutto ai musulmani, fin da quando sono arrivati nel Paese. In realtà era un fenomeno che toccava anche l’immigrazione coloniale. Ma, al tempo, il discorso non era intriso di odio come avviene oggi, nei confronti dei marocchini.

Perché questa differenza?

Al tempo, c’era la sensazione di poter “gestire” il fenomeno. Una percezione che si basava sull’assunto che “gli olandesi stessi avevano costruito le colonie”: si trattava di una certezza più forte della paura. Inoltre, va specificato che i migranti di allora conoscevano l’Olanda: parlavano fluentemente l’olandese e conoscevano la religione cristiana. Nulla a che vedere con il mix esplosivo dato dalla “paura del musulmano” e dal processo di integrazione europea, vissuto anche questo, come una sopraffazione burocratica diretta da Bruxelles.

Come è stata vissuta esattamente questo secondo flusso migratorio?

Inizialmente, le persone provenienti dal Marocco e dalla Turchia erano viste come “lavoratori ospiti”. L’idea era che sarebbero tornati nei propri Paesi. Un’illusione che si è sgretolata sotto ai processi di riunificazione famigliare. Attraverso questi ultimi, una “seconda generazione” – cittadini olandesi nati prevalentemente negli anni ’80-’90, o, comunque, cresciuti nei Paesi Bassi – è diventata parte della società olandese. Questa generazione ha sperimentato un Paese contraddistinto dalle lotte per i diritti al culto religioso (costruzione di moschee) e all’educazione religiosa (costruzione di scuole religiose), ecc.

Il razzismo competitivo è l’ultimo stadio dell’evoluzione?

No. Attraverso la lotta e la resistenza delle seconde generazioni è emerso quello che si può definire “razzismo legittimo” (“entitlement racism”). Si tratta di una variante che esplosa all’inizio del nuovo millennio. Fino all’inizio degli anni ’00 c’è stato un tacito accordo per cui, in politica, non c’era spazio per una retorica anti-immigrazione. Ma la discesa in politica di Pim Frotuyn ha rotto gli indugi e spezzato il tabù. Fortuyn risponde storicamente a ciò che si può definire una “rottura del codice”.
Dalla sua apparizione in poi, è diventato “di moda” dire qualsiasi cosa a proposito dei marocchini e, più in generale, dei musulmani. Non esiste offesa che non sia stata pronunciata. E con esse, il discorso del “lavoratore ospite” è stato spazzato via.

E poi cosa è successo?

Innanzitutto, le comunità marocchine hanno reagito, reclamando di essere a “casa propria” alla pari di qualsiasi altro cittadino olandese. Ciò si è tradotto anche in atti di violenza. E conseguentemente, il marocchino è diventato l’emblema del soggetto problematico e violento. È in questo momento storico che si è afferma quello che ho definito “razzismo legittimo”.

Che sarebbe?

Si tratta dell’auto-legittimazione a umiliare l’”altro”. Si è fatto largo un razzismo per cui si “può dire ciò che si vuole, quando si vuole”. E se ciò comporta essere definiti razzisti, tant’è … “si tratta di un problema dell’altra parte”. In altri termini, le persone hanno cominciato ad auto-sollevarsi dall’accusa di razzismo, perché in Olanda non “può esserci razzismo” – qui torna l’“innocenza olandese” di cui parlavo prima. E come ultima conseguenza, chi denuncia questa pratica razzista viene tacciato come “moralizzatore”.

Qual è stata la reazione a questa nuova forma di razzismo?

Prima e durante l’apparizione di Fortuyn, parte dell’accademia che si occupava di razzismo è stata silenziata attraverso attacchi verbali o testuali, oppure tramite la mancata assegnazione di fondi per la ricerca. Il razzismo come “problema sociale” è scomparso dai curriculum di studi – con l’eccezione di pochi accademici che hanno continuato, nonostante il contesto.

E la politica non ha reagito alla rottura del codice da parte di Fortuyn?

A causa dell’esclusione dell’accademia dai dibattiti pubblici ed educativi, i politici si sono trovati scoperti, senza possibilità di costruire un dialogo con Fortuyn. A quel punto, hanno cominciato a “disumanizzare” e umiliare il loro avversario, una strategia politica aberrante.

Anche quando si tratta di un politico razzista?

Non sono le persone a essere razziste, ma bensì il linguaggio, le azioni, i comportamenti, le pratiche. Stigmatizzare un individuo per un problema sociale non porta a soluzioni. Cosa si ottiene con l’estromissione della persona? A che tipo di società ci conduce una strategia di questo tipo? Per quanto possa essere in disaccordo con Wilders oggigiorno, non sono dalla parte di chi lo “disumanizza”.

Crede che l’umiliazione rafforzi il successo dei leader populisti di estrema destra?

Considerando che il punto di partenza di questi politici è la “vittimizzazione”, si rafforza il loro argomento. Ma anche da un punto di vista normativo, un politico dovrebbe sempre agire in maniera dignitosa. E l’umiliazione non può essere abbinata al concetto di dignità.

In buona sostanza, non c’è stato nessun tipo di dialogo dopo l’apparizione di Fortuyn …
Assolutamente. Allo stesso tempo, con una comunità accademica esclusa, le comunità etniche che erano state attaccate da Fortuyn, hanno reagito. Ed è stata persa la sfida dell’integrazione.

Perché la chiama “sfida”?

L’integrazione è sempre una sfida, visto che si tratta di condurre culture e tradizioni differenti a una mediazione. Deve essere rinegoziato uno “spazio comune”: cos è il bene comune? Quali sono comportamenti “legittimi” in Olanda, e quali no? Sono domande a cui va data una risposta.

Non crede che valga la pena preservare culture e tradizioni originali di un Paese?

Non credo che la cultura e la tradizione di un Paese vadano difese in quanto tali. La tradizione nasconde sempre un rapporto di forza. Quindi la domanda diventa, di nuovo, chi trae beneficio da quest’ultima? E perché? Sviluppare quello spazio di negoziazione significa coinvolgere le persone, garantire la non-discriminazione e allo stesso tempo andare alla ricerca di ciò che, inevitabilmente, sarà un equilibrio. Se invece si soffoca la discussione e, piuttosto, si stigmatizza un gruppo, si prepara la strada dell’umiliazione di quest’ultimo.

Quanto ha a che fare il “razzismo legittimo” con l’attitudine di leader populisti come Wilders?

Politici come Trump e Wilders personificano la logica che ne è alla base: non discutono, vogliono soltanto rilasciare affermazioni. E non si interessano alle idee degli altri. Il razzismo legittimo è legato alla stessa concezione egocentrica delle relazioni sociali.

Perché le persone dovrebbero essere attratte da un tale atteggiamento?

Perché ci sono persone che “invidiano” a questi leader la capacità di parlare liberamente e senza remora. Persone che si sentono “limitate” dai loro principi morali, che si sentono “prigioniere” delle norme sociali, che non hanno coraggio di prendere una posizione di fatto immorale.

Eppure, molte persone comuni utilizzano i social media per emulare quell’atteggiamento …

Sì, perché è uno strumento che permettere di condurre pratiche razziste e, allo stesso tempo, sottrarsi alle responsabilità. A quel punto il comportamento razzista non è più “immorale”, ma “a-morale”.

Crede che oggigiorno i media siano parte del problema? Rafforzano il successo dei leader populisti?

Il giornalismo e la politica sono professioni, ma sono comunque fatte di persone in carne e ossa, influenzate dal contesto culturale e storico in cui vivono. Quindi, non è una sorpresa verificare pratiche razziste nei media. Per quanto riguarda i leader populisti, purtroppo i media hanno trattato il fenomeno in maniera sensazionalistica: un approccio che non ha fatto altro che giocare a favore di personalità come Trump e Wilders.

Come si può affrontare il problema del razzismo in Olanda e altrove?

Spezzando il circolo vizioso di un linguaggio negativo, pieno di odio e di vittimizzazione. Molto passa attraverso gli esempi che si danno ogni giorno, visto che il razzismo è un problema quotidiano. Non c’è un’altra via. Ripristinare la dignità in politica è fondamentale. Detto ciò stiamo attraversando una fase storica. Seguiranno mutamenti e reazioni alla situazione attuale. Ad un certo punto, le persone ne avranno abbastanza del razzismo: capiranno che non rappresenta una soluzione ai problemi delle società contemporanee.

(Left, 31.03.2017)

Sylvana Simons: “Cambierei il mio nome, per sconfiggere il razzismo in Olanda”

Il caffè latte “à la Simons” viene servito al vetro, con triplo zucchero bianco. Quando il cameriere del Dauphine – siamo nel sud-est di Amsterdam – arriva, lei sorride: «A volte non ho nemmeno bisogno di chiedere». Silvana Simons è una star e te lo fa capire: «Ho avuto una vita straordinaria», afferma, senza un filo di esitazione, di imbarazzo. E’ il momento di alzare un sopracciglio e lasciarsi andare a un sorriso sarcastico. Ma lei non abbassa la cresta, anzi. Mi guarda negli occhi e ripete: «Fidati, non me la sto “tirando”; la verità è che dovrei scrivere un libro sulla mia vita».

Il caffè latte “à la Simons” viene servito al vetro, con triplo zucchero bianco. Quando il cameriere del Dauphine – siamo nel sud-est di Amsterdam – arriva, lei sorride: «A volte non ho nemmeno bisogno di chiedere». Silvana Simons è una star e te lo fa capire: «Ho avuto una vita straordinaria», afferma, senza un filo di esitazione, di imbarazzo. E’ il momento di alzare un sopracciglio e lasciarsi andare a un sorriso sarcastico. Ma lei non abbassa la cresta, anzi. Mi guarda negli occhi e ripete: «Fidati, non me la sto “tirando”; la verità è che dovrei scrivere un libro sulla mia vita».

Silvana Simons, 46, è una ex-ballerina ed ex-conduttrice televisiva. A dicembre del 2016 ha fondato Art1kel, un partito che fa della lotta alla disuguaglianza e al razzismo nell’Olanda del 2017, il suo programma elettorale. Mercoledì prossimo, in occasione delle elezioni, cercherà di entrare in Parlamento. Silvana nasce a Paramaribo, Suriname, nel 1971 «sotto la bandiera dei Paesi Bassi, ma dall’altra parte del mondo». Ultima di 16 fratelli e sorelle, parla di sé come della “prediletta” della famiglia. Quando, qualche anno dopo la sua nascita, il Suriname ottiene l’indipendenza, Silvana si trova già in Europa, nel quartiere di Amsterdam West, «uno dei più multietnici in quel periodo». A 10 anni si trasferisce con la famiglia a Hoorn ed è qui, in una cittadina della Frisia occidentale sconosciuta ai più, che la ragazza “decide” il suo destino: «Sarei diventata una ballerina famosa». Ma il nome “Silvana”, a suo vedere, non era all’altezza delle ambizioni. Ed è così che, da un giorno all’altro, un po’ per gioco, “Silvana” diventa “Sylvana”.

Nonostante il trasferimento in provincia, il cordone con Amsterdam non si rompe mai del tutto. Da adolescente – siamo nei ruggenti anni ’80 – Sylvana comincia a frequentare una scuola di ballo e recitazione nella “Venezia del nord Europa”. La città, con i suoi eventi, spettacoli e distrazioni la abbindola. E lei ammette: «Non sono mai stata una studentessa con il fiore all’occhiello: ho seguito l’università della vita». Tant’è che la “beniamina di famiglia” non terminerà mai gli studi; eppure diventa una ballerina professionista e, per qualche anno, gira il mondo. Ma Sylvana non ha ancora bucato lo schermo e a 21 anni arriva il primo figlio. E’ “soltanto” nel 1995 che finisce in televisione per la prima volta. Sylvana diventa uno dei volti di punta del neonato canale televisivo musicale, Tmf Nederlands, concorrente di Mtv (che batte regolarmente, in termini di ascolti, per diversi anni). Dopo il giro di boa del nuovo millennio, cambia diversi canali e programmi televisivi, fino ad arrivare, nel 2012,  a essere uno degli ospiti di routine del noto talk-show, “Il mondo continua a girare” (“De Wereld Draait Door”). E’ una sorta di consacrazione: Sylvana è entrata nei salotti di casa degli olandesi.

Seduti in un angolo della sala del Dauphine le chiedo, in tutta sincerità, cosa abbia a che fare tutto questo con la politica e il razzismo. Ma “a caval donato non si guarda in bocca” e allora, prima ancora di rispondere, Sylvana difende innanzitutto lo show-business: «La superficialità dell’entertainment ha una sua dignità e ragion d’essere: tutti vogliamo arrivare a casa dopo lavoro e rilassarci.». Poi torna risoluta sulla domanda e dice che «ha sempre mantenuto uno sguardo critico su quello che la circondava», anche quando le luci della società dello spettacolo rischiavano di dare alla testa.  Sylvana muove il braccio qua e là – il rossetto rosso intenso riprende il colore dei divanetto su cui è seduta – e mi chiede di «starle dietro», perché «andrà avanti e indietro» nel tempo.

Quando era ragazza, a Hoorn, «le discussioni sulla filosofia e la politica erano di casa», ricorda. «C’era sempre qualche amico di famiglia a cena. In quanto ultima di 16 fratelli e sorelle, è “nata grande”». La figura chiave è quella del padre, «severo, ma democratico». «Restare indifferenti rispetto alle questioni politiche? Impossibile», racconta, come se fosse ancora seduta a tavola con i suoi. Eppure, ad ascoltarla, appare subito chiaro che il romanzo di Sylvana non segue la narrazione della scalata dell’outside: «I miei genitori erano benestanti, sono cresciuta come una privilegiata».

La profilazione razziale (in inglese, “racial profiling”) si riferisce all’influenza che i fattori etnici esercitano sulle decisioni – spesso di fermo preventivo – delle forze dell’ordine nei confronti di un cittadino. Un rapporto di Open Society di qualche anno fa ha analizzato il fenomeno nei Paesi Bassi, e indicato che, rispetto ai giovani bianchi, i ragazzi e le ragazze delle minoranze etniche hanno una probabilità tre volte più elevata di essere sospettati di un crimine. E non c’è notorietà che possa cambiare il colore della pelle. Vale anche per Sylvana Simons. «Avevo cominciato da poco a lavorare per Tmf e mi ero comprata una macchina sportiva. A quel tempo portavo sempre i capelli corti. Quella sera accanto a me, in macchina, c’era un’amica con una bandana in testa. Da dietro avresti detto che fossimo due uomini». Al semaforo scatta il verde, ma dopo pochi metri una moto della polizia sorpassa Sylvana facendo cenno di fermare la corsa: «Non avevamo fatto assolutamente nulla di male. Ma spesso non importa. Ancora oggi, “due uomini neri” al volante di una macchina di lusso … non fanno “bella figura”». Sylvana racconta l’episodio con sarcasmo; soprattutto quando ricorda «l’espressione attonita dell’ufficiale» quando l’ha riconosciuta. Poi spiega che cose del genere sono all’ordine del giorno oggi, come lo erano ai tempi di suo padre. Eppure, sarebbe sbagliato interpretare il cambio di vita di Sylvana in funzione di singoli eventi: «Dopo il passaggio da Tmf a programmi di approfondimento culturale, ho cominciato ad ampliare i miei orizzonti, approfondire le tematiche sociali. Ho capito che gli episodi discriminatori sono legati da un filo rosso: il razzismo in Olanda è strutturale e istituzionalizzato».

L’articolo 1 della Costituzione olandese recita: “Tutte le persone nei Paesi bassi sono trattate in maniera uguale in circostanze uguali. La discriminazione sulla base della fede religiosa, del pensiero, dell’opinion politica, del sesso, o per qualsiasi altra ragione, non è permessa”. Sylvana si è ispirata a queste parole quando ha fondato il partito Art1kel, nel dicembre del 2016. Ma ai tempi di Podemos e, più in generale, della rinascita dei movimenti, un partito rappresenta veramente la soluzione più adatta per affrontare il problema del razzismo? Sylvana non ha dubbi a riguardo: «Se vuoi risolvere un problema devi andare alla radice. E se il razzismo è “istituzionalizzato”, bisogna prima cambiare le istituzioni: è necessario entrare in Parlamento».

In un certo senso, l’intero percorso di vita di Sylvana sembra essere connotato da una tensione continua tra “pragmatismo” e “idealismo”: dall’abbandono degli studi al passaggio in televisione, fino ad arrivare all’abbandono di una carriera garantita per «garantire che i propri figli non debbano subire il trattamento della generazione di suo padre». Lei ci scherza su e dice semplicemente che «probabilmente è cresciuta». «L’idealismo è sempre stata una componente forte del mio carattere, ma la necessità di combattere contro le ingiustizie non è mai stata imperativa come oggi. Quando le persone mi chiedono “perché ho fatto questa scelta”, rispondo semplicemente che ero pronta, convinta e capace di fare il passo».

Ma non tutti credono a Sylvana. Per alcuni, non ci sarebbe nessuna svolta reale nel suo comportamento.  Molti recriminano alla ex-conduttrice tv di essere esclusivamente alla ricerca di gloria personale. In altri termini, la sete di successo sarebbe l’unico filo rosso a collegare le diverse tappe della sua carriera, che si televisiva o politica. Perché? A dire il vero, Art1kel non rappresenta il primo impegno sociale di Sylvana. A inizio del 2016, entra nelle file di Denk (“Pensare”, tdr.), una nuova formazione composta principalmente da cittadini olandesi di origine marocchina e turca. Anche Denk si batte contro le discriminazioni e la segregazione sul mercato del lavoro. Ma ha un profilo conservatore da un punto di vista economico, mentre Sylvana vuole contendere uno spazio a sinistra «lasciato libero dallo snaturamento del partito socialdemocratico olandese (PvdA)». In ogni caso, nella seconda metà dello scorso anno, si consuma una rottura definitiva fra la ex-conduttrice televisiva e la leadership di Denk. Sylvana lascia il partito e crea Art1kel.

Il giorno prima del nostro incontro, una ragazza olandese di origine marocchine mi ha chiesto di girare una domanda molto semplice alla fondatrice di Art1kel: perché ha lasciato Denk? Sylvana guarda un attimo di lato poi intreccia le dita delle sue mani; è come se capisse che è una domanda che si fanno in tanti, soprattutto chi è vittima della retorica identitaria di Wilders e del Partito conservatore e vede, allo stesso tempo, soltanto divisioni dall’altro lato dello spettro politico. «Voglio essere franca: un partito come Denk che ha fatto tanto per farsi conoscere, rischia di fermarsi troppo presto se continua, a proporre soltanto un discorso contro il sistema. Quello che serve è un progetto di inclusione, che coinvolga anche la popolazione olandese bianca». Sylvana dice di aver lasciato Denk anche perché, dopo un periodo iniziale di confronto, ha subito una sorta di estromissione: «Le mie idee non erano prese sul serio e non avrebbero trovato spazio all’interno dell’agenda del partito. Mi è stato detto di non parlare di certi temi durante la campagna elettorale, perché avrebbe provocato una perdita di consensi». E per quanto riguarda la ricerca del successo: «Per entrare in Denk ho messo in gioco tutte le mie entrate economiche. Oggigiorno, i miei clienti (Sylvana lavorava da freelance nel mondo della televisione, ndr.) non vogliono lavorare con me perché ho preso una posizione netta in politica. Se avessi puntato semplicemente al seggio parlamentare, sarei dovuta rimanere con Denk: avevo un posto garantito».

A guardare i sondaggi, sia Denk che Art1kel lottano per entrare in Parlamento. Con il primo partito che ha una probabilità leggermente più alta di riuscirci. Del resto bastano le dita di una mano per contare i mesi di tempo che la formazione di Sylvana ha avuto per prepararsi a queste elezioni. Per chiunque, si tratterebbe di un suicidio politico, ma non per lei: «Siamo più di un partito: siamo legati con una base di attivisti e rappresentiamo un movimento. Sebbene esistiamo da poco, siamo pronti per un’avventura di lungo periodo. E se non dovessimo entrare in Parlamento, vorrà dire che avremo più tempo per dimostrare che c’è bisogno di noi». Le dico che il razzismo potrebbe semplicemente non essere una priorità. Non è d’accordo: «Non si possono affrontare povertà, disoccupazione, e sessismo senza prendere di petto il problema del razzismo. E’ per questo che fuori e dentro al partito parliamo cerchiamo di lanciare un dibattito sulla così detta “discriminazione multipla” (“intersectionality”, tdr.).

In un certo senso, Art1kel non può essere rilegato alla battaglia contro il razzismo. Più in generale, il suo campo di battaglia è quello delle disuguaglianze: «E’ sempre all’interno di queste ultime che il razzismo trova il suo spazio», afferma convinta Sylvana. Ma se il razzismo è legato alle disuguaglianze, non spetterebbe alla sinistra prendere a cuore il tema? Secondo Sylvana esiste un problema reale di «credibilità», legato al «profilo di tutti i partiti»: «Non puoi predicare la diversità senza rappresentarla. I partiti della sinistra sono composti in grande maggioranza da uomini e donne olandesi bianche. Art1kel è l’unica formazione che non predica, bensì da vita alla diversità». Probabilmente Sylvana ha ragione, ma a proposito di credibilità, le dico che forse sarebbe ora di togliere quella “y” dal nome e tornare semplicemente ad essere “Silvana”. Mi guarda incredula, come se le avessi letto nel pensiero: «Ci stavo pensando giusto qualche giorno fa».

Un pezzo di carne cruda – Intervista con Javier Gallego

Oggi la cittadinanza spagnola, come quella europea in generale, è talmente passiva che si potrebbe dire di vivere in una sorta di simulazione democratica. I media sono stati ciechi di fronte alla crisi che ha investito l’Europa nel 2008. In Spagna esiste un discorso ege-
monico che ha nascosto la realtà socio-politica dai primi giorni della crack finanziario fino a oggi.

Scrivere racconti di fantasia e imitare i telecronisti sportivi. È così che, a 9 anni, immerso in un mondo fatto di audio libri, Javier Gallego si allenava, «senza averne coscienza», alla professione giornalistica. Lo incontro in uno studio di registrazione di Madrid, a due passi dal quartiere di Lavapies, quando mancano cinque minuti all’inizio della seconda puntata settimanale di Carne Cruda – La repubblica indipendente della Radio, il programma web radio più seguito di Spagna. Manuel e Rocio, due dei collaboratori del «Crudo» – il soprannome di Javier per gli addetti ai lavori – sistemano gli ultimi dettagli, mentre una luce fioca filtra dalle tapparelle delle finestre. C’è giusto il tempo di una sigaretta e una stretta di mano con gli ospiti di turno. Poi parte la solita sigla roboante.

Si potrebbe quasi dire che lo stile radiofonico del Crudo, nonostante le esperienze fatte alla radio pubblica spagnola (RNE) e alla catena privata SER, sia rimasto lo stesso di quando era ragazzo. In Carne Cruda, racconti fantastici che però sanno di attualità si uni-
scono a imitazioni satiriche; interviste con politici spagnoli si alternano a quelle con personaggi della contro-cultura europea. Il suo modo sui generis di fare informazione, lo ha trasformato in bestia nera del giornalismo classico spagnolo. Dal canto suo, il Crudo nel 2012 porta a casa il prestigioso premio Ondas (miglior programma Radio spagnolo). Javier non ha problemi a dirsi di parte e non crede in un giornalismo neutrale. Allo stesso tempo, non risparmia critiche a nessuna formazione politica, comprese quelle che vogliono “rottamare” il Partito Popolare e il Psoe.

Lei ha definito «Carne Cruda» un programma di «mobilitazione del-
le coscienze». Cosa vuol dire?

Oggi la cittadinanza spagnola, come quella europea in generale, è talmente passiva che si potrebbe dire di vivere in una sorta di simulazione democratica. I media sono stati ciechi di fronte alla crisi che ha investito l’Europa nel 2008. In Spagna esiste un discorso ege-
monico che ha nascosto la realtà socio-politica dai primi giorni della crack finanziario fino a oggi: basti pensare a come sono state sottovalutate la crisi immobiliare e l’emergenza degli sfratti. Allo stesso tempo, la politica mentiva con le parole, capovolgendo la realtà. Ma il giornalismo ha un dovere: quello di raccontare nel miglior
modo possibile la realtà, come se fosse un pezzo di carne cruda.

(Continua su ilManifesto)

Owen Jones: “Serve una sinistra paneuropea”

Nonostante i poteri forti, secondo Jones una rivoluzione democratica nel Regno Unito, come in Europa, “è possibile”, ma serve un movimento che non sia soltanto “di protesta”. Il Labour potrebbe porsi alla guida di questo movimento? Difficile dirlo.

Owen Jones arriva al Candid Café di Angel, un quartiere poco lontano dalla City di Londra, con il fiatone. Di certo non sono le due rampe di scale ad averlo affaticato. Jones è abituato a muoversi: nell’arco dell’ultimo anno si è spostato da una parte all’altra dell’Europa per incontrare i vari movimenti di sinistra dei Paesi. Sebbene oggi sia in ritardo, questa settimana sarà puntuale in Spagna «per un mini-tour elettorale di una settimana con Podemos». Per descrivere Owen Jones, che è cresciuto nel nord dell’Inghilterra, a Stockport, nella periferia di Manchester, si dovrebbe creare un modo di dire tutto nuovo: “avere 31 anni e sentirli”. Alla sua giovane età è già un guru della sinistra inglese. Con 383mila seguaci su twitter e 2 saggi politici bestseller alle spalle, è impossibile non definirlo un opinion leader. Lui ci ride su e dice che «scrivere non gli piace nemmeno». Ma il suo ultimo libro, The Establishment. And how they get away with it (L’establishment. E come farla franca) – un ritratto spietato dell’élite economica, medatica e politica cresciuta nel Regno Unito sotto le amministrazioni Thatcher, Blair e Cameron – è diventato un caso editoriale anche Oltremanica, in Spagna. Sarà perché il concetto sa tanto di “casta” alla Iglesias. Nonostante i poteri forti, secondo Jones una rivoluzione democratica nel Regno Unito, come in Europa, “è possibile”, ma serve un movimento che non sia soltanto “di protesta”. Il Labour potrebbe porsi alla guida di questo movimento? Difficile dirlo. Secondo Jones, Jeremy Corbyn è «partito con il piede sbagliato» e deve già recuperare un partito che rischia di sfuggirgli di mano, a partire dal voto sull’intervento aereo in Siria di inizio dicembre. Intervista.

Owen Jones, il Labour si è spaccato sull’intervento in Siria: 67 parlamentari hanno votato insieme ai conservatori di Cameron a favore dei bombardamenti. Cosa sta succedendo nel partito di Corbyn?

I Laburisti hanno una lunga storia di divisioni sulla politica estera. Nel 2003, 139 parlamentari laburisti votarono contro le indicazioni di Blair sulla guerra in Iraq. Nessuno ne fece un caso e, anzi, si parlò di “ribelli”. Ma questa volta alcuni useranno il caso per destabilizzare la leadership di Corbyn. (La parlamentare Laburista di Birmingham, Jess Phillips ha dichiarato, in un’intervista con Jones, pubblicata il 14 dicembre sul Guardian, l’intenzione di «accoltellare al petto» Corbyn nel caso in cui dovesse danneggiare il partito, ndr). Tutto questo, mentre l’opinione pubblica, invece, si muove contro i bombardamenti, al pari della base del partito.

(Continua su Left)

“A Madrid l’uguaglianza è di casa” – Intervista con Manuela Carmena

Da maggio 2015 è il nuovo sindaco di Madrid, nonché volto degli Indignados al potere. E a chi la definisce “sindaco di Podemos”, Manuela Carmena risponde: «Non sono legata ad alcun partito».

Da maggio 2015 è il nuovo sindaco di Madrid, nonché volto degli Indignados al potere. E a chi la definisce “sindaco di Podemos”, Manuela Carmena risponde: «Non sono legata ad alcun partito». Occhi azzurri come il ghiaccio e una lunga storia alle spalle che si inscrive perfettamente in quella della Spagna: avvocato specializzato in Diritto del lavoro e membro del Partito comunista (allora fuorilegge) durante la dittatura franchista, giudice e bestia nera della corruzione giudiziaria durante la transizione democratica, sostenitrice della nuova sperimentazione politica nata con gli Indignados dopo il 2010. La incontriamo in una sala elegantemente rifinita in legno, al terzo piano di via Alcalá 50, a due passi da piazza Cibeles. Le sue risposte, a volte spiazzanti, hanno qualcosa di trascendentale. Quando parla di democrazia partecipativa e forme di potere è difficile non rimanere affascinati. Del resto, come spiegare altrimenti che una signora ex giudice di 71 anni sia diventata la figura di riferimento della generazione 18-30, quella degli Indignados appunto? Il giornalista Roberto Bécares ha definito il fenomeno come “effetto Carmena”. Ma qual è il filo rosso che unisce le tappe della sua carriera? «Combattere le disuguaglianze che non hanno ragione di esistere», risponde senza battere ciglio. Per Manuela Carmena, però, non sono solo rose e fiori. Cinque mesi dopo le elezioni, stampa e opposizione la accusano di condurre una politica volta all’«improvvisazione».

Manuela Carmena, con la sua elezione a sindaco di Madrid è la prima volta che gli interpreti della sperimentazione politica spagnola, iniziata con gli Indignados nel 2011 e continuata sotto il segno di Podemos nel 2014, arrivano a detenere un potere di azione specifico. Sente molta responsabilità?

Non credo che “responsabilità” sia il termine giusto per descrivere ciò che provo. Non essendo il candidato di un partito politico mi sento responsabile soltanto di me stessa.

E cosa prova allora?

Il desiderio di trasformare in realtà quelli che secondo me sono i grandi elementi del cambiamento politico in questo Paese. Voglio dimostrare che è possibile fare politica in una maniera completamente diversa.

Diritto al lavoro, alla casa e alla salute, nonché stop ai tagli alla spesa pubblica. Il programma della sua lista, Ahora Madrid, è così ambizioso che sembra quasi impossibile da realizzare…

Non mi identifico alla lettera con il programma visto che, tra l’altro, è stato definito ancora prima che accettassi l’incarico di guidare il movimento. Attenersi rigidamente ai programmi non è una mossa intelligente…

Però non attenersi può essere una scelta rischiosa…

No, Ahora Madrid è l’incrocio di una moltitudine di istanze. Io mi identifico con le linee strategiche: lotta alla corruzione, alla disuguaglianza, all’inefficienza amministrativa, all’austerità. L’obiettivo è promuovere meccanismi di partecipazione diretta e l’ascolto attivo della voce dei cittadini. Questi sono tutti valori e obiettivi in cui mi riconosco e che perseguiremo.

Come si realizzano concretamente?

Non c’è stato ancora tempo a sufficienza per definire le modalità concrete con cui raggiungere tutti gli obiettivi. Inoltre, parte del cambiamento che promuoviamo risiede proprio nelle modalità di realizzazione: vogliamo allargare la definizione delle strategie al contributo di molte persone. Questo processo è il riflesso di un movimento partecipativo importante e innovativo che però, a volte, può risultare anche inefficiente.

È proprio per questo che i media e i partiti tradizionali la accusano di “improvvisazione politica”.

Un programma elettorale non è mai un programma di governo. E noi avevamo chiara in mente la necessità di realizzare questa trasformazione. Per questo, in funzione degli obiettivi generali, stiamo definendo le linee di azione per i prossimi 4 anni.

(Continua su Left)

Ttip, «il grande business detta l’agenda» – Intervista a Lora Verheecke (CEO)

L’incognita delle ele­zioni pre­si­den­ziali sta­tu­ni­tensi del 2016, la frat­tura nel Gruppo dei socia­li­sti nel Par­la­mento euro­peo, il peso dell’elettorato tede­sco in Europa: cosa deter­mi­nerà il suc­cesso o il fal­li­mento dei nego­ziati sul Ttip? Il «Trat­tato tran­sa­tlan­tico» sta spac­cando in due il Vec­chio Con­ti­nente tra est e ovest e il 10 otto­bre, da Ber­lino, scatta la set­ti­mana inter­na­zio­nale di mobi­li­ta­zione con­tro l’accordo.

Intervista. Sabato scatta la settimana internazionale di mobilitazione contro il Trattato transatlantico sul libero scambio che sta spaccando l’Europa. Parla Lora Verheecke, esperta del Ceo: «Se il Ttip venisse legato alla quotidianità, le persone capirebbero di cosa si tratta. A Bruxelles lanceremo proposte per superarlo e per costruire un’Europa solidale».

L’incognita delle ele­zioni pre­si­den­ziali sta­tu­ni­tensi del 2016, la frat­tura nel Gruppo dei socia­li­sti nel Par­la­mento euro­peo, il peso dell’elettorato tede­sco in Europa: cosa deter­mi­nerà il suc­cesso o il fal­li­mento dei nego­ziati sul Ttip? Il «Trat­tato tran­sa­tlan­tico» sta spac­cando in due il Vec­chio Con­ti­nente tra est e ovest e il 10 otto­bre, da Ber­lino, scatta la set­ti­mana inter­na­zio­nale di mobi­li­ta­zione con­tro l’accordo.

Oggi il Ceo conta una decina di impie­gati tra gior­na­li­sti e ricer­ca­tori. Tra que­sti, Lora Verheecke, 31 anni, franco-olandese ex-vice Pre­si­dente di Oxfam Fran­cia. Verheecke ha lasciato il suo posto alla Con­fe­de­ra­zione sin­da­cale inter­na­zio­nale (Csi) per occu­parsi del Trat­tato tran­sa­tlan­tico sul com­mer­cio e gli inve­sti­menti (Ttip) al Ceo.25 anni fa 5 gior­na­li­sti, Belén Bala­nyá, Oli­viér Hoe­de­man, Erik Wes­se­lius, Adam Ma’anit, Ann Doherty pub­bli­cano Europe.Inc, un libro in cui denun­ciano i rap­porti tra le grandi cor­po­ra­tion e le poli­ti­che dell’allora nascente Unione euro­pea. Una man­ciata di fon­da­zioni pri­vate, tra Olanda e Stati uniti, deci­dono di soste­nere il lavoro dei gior­na­li­sti. È così che nasce il Cor­po­rate Europe Obser­va­tory (Ceo), ini­zial­mente un net­work lasco di gior­na­li­sti che indaga il potere del grande busi­ness negli ingra­naggi isti­tu­zio­nali euro­pei. Pre­sto però, la rete si tra­sforma in un vero e pro­prio osser­va­to­rio sul lob­bying a Bruxelles.

«I sin­da­cati non erano abba­stanza cri­tici rispetto al Ttip», è una delle prime cose che mi dice quando la incon­tro. Siamo seduti in un bistrot vicino al canale Bruxelles-Charleroi che costeg­gia il cen­tro della capi­tale belga a nord ovest, esat­ta­mente dalla parte oppo­sta di dove si tro­vano Par­la­mento e Com­mis­sione europea.

Lora Verheecke, quali sono stati i con­te­nuti dell’ultimo turno di nego­zia­zioni del Ttip svol­tosi a luglio 2015?
Stati uniti ed Europa cer­cano un com­pro­messo sulla pro­te­zione delle «indi­ca­zione geo­gra­fi­che»: non vogliono che la con­tro­parte pro­duca alcuni pro­dotti tipici. Poi si è discusso della regu­la­tory cope­ra­tion: ognuno vuole moni­to­rare la pro­du­zione legi­sla­tiva dell’altro. Infine, non è man­cato l’Isds (Investor-State Dispute Set­tle­ment), il mec­ca­ni­smo giu­ri­dico per la riso­lu­zione dei con­ten­ziosi stato-imprese.

A che punto siamo giunti nelle nego­zia­zioni sul Ttip?
Siamo a metà per­corso, le nego­zia­zioni vanno a rilento. Non se ne farà nulla prima del 2017. E in mezzo ci sono le ele­zioni americane…

(Continua su ilManifesto)

La sinistra dopo la sinistra – Intervista con Pablo Iglesias Turrion, leader di Podemos

Pablo Iglesias Turrión, leader di Podemos, non vuole sentire parlare né di destra, né di sinistra. Per un professore di Scienza Politica come lui – insegna all’Università Complutense di Madrid – queste parole non sono altro che “metafore”.

Gli Indignados sono scesi in politica e hanno letteralmente tagliato in tre il bipolarismo spagnolo. Non lo dicono gli slogan, ma i numeri. Alle scorse elezioni parlamentari europee del 25 maggio 2014 infatti, Podemos, una lista nata sulla scia del movimento sociale del 15M del 2011, ha raccolto l’8% dei voti. Sommati ai voti di di Izquierda Unida, la sinistra radicale spagnola oggi otterrebbe il 20% delle preferenze. Eppure, Pablo Iglesias Turrión, leader di Podemos, non vuole sentire parlare né di destra, né di sinistra. Per un professore di Scienza Politica come lui – insegna all’Università Complutense di Madrid – queste parole non sono altro che “metafore”.

Piattaforme online per prendere le decisioni politiche “dal basso” e bandiera viola: a un primo sguardo il popolo di Podemos sembra quello dei Vaffa-day di Beppe Grillo, versione iberica. Peccato però, che a Iglesias, Beppe “non stia troppo simpatico” e che, a differenza dei deputati del M5S, nel Parlamento europeo, quelli di Podemos siedano nelle file del GUE con AexisTsipras e Barbara Spinelli: non certo con lo Ukip di Nigel Farage.

Dalla Spagna di Mariano Rajoy, passando per la Francia di Marine Le Pen, fino all’Italia di Beppe GrilloPablo Iglesias Turrión ci spiega la politica secondo Podemos, con Gramsci in tasca.

Pablo Iglesias Turrión, la bandiera di Podemos è viola come quella del Vaffa-day di Grillo, ma i vostri contenuti sono quelli di Alexis Tsipras… cosa vuol dire?

Vuol dire semplicemente che in politica, a volte, si aprono degli spazi, delle possibilità che sono terreno di competizione per differenti attori politici. Secondo i conservatori invece bisogna sempre e soltanto tracciare una linea che divide la destra dalla sinistra.

Vuole dire che “destra” e “sinistra” sono concetti fuori moda?

“Destra” e “sinistra” sono soltanto metafore per identificare delle scelte politiche. Quelli che chiamo conservatori, credono invece che rappresentino una divisione immutabile. In realtà, nessuno si sveglia affermando di essere di centro-destra, o di centro-sinistra. Oggi ci troviamo in una situazione di emergenza sociale nella quale si è aperto uno spazio politico. E noi lo abbiamo occupato.

Si spieghi meglio …

In Spagna, sempre più settori sociali sono indignati, ma, allo stesso tempo, interpretano in maniera nuova ciò che succede: collegano la loro situazione con una casta politica corrotta che rimane sempre al governo. Bene, tutte queste persone sono suscettibili al discorso di una pluralità di attori politici. Per questo motivo sarebbe riduttivo dire che competiamo con la destra o con la sinistra. Sfidiamo chiunque. In ottica internazionale, per esempio, siamo l’opposizione al Front National di Marine Le Pen.

Cosa è successo ai vostri vicini francesi?

Sono sicuro che molte persone in Francia hanno votato per i fascisti perché il discorso della sinistra francese non è stato funzionale. Se il Front de Gauche avesse capito che la frattura odierna corre fra cittadini e il settore bancario – e non tra francesi e immigrati – probabilmente avrebbero avuto dei risultati migliori.

Come valuta il M5S?

Grillo va letto nella stessa maniera con cui si è analizzata l’apparizione di Berlusconi nel 1994. Seppur non mi stia particolarmente simpatico, è stato abile politicamente a capire ciò che un altro italiano, tanti anni prima di lui, aveva definito come il “sentire comune d’epoca”: un sentimento comune generale che è un permanente terreno di disputa tra attori e movimenti politici. Quell’italiano si chiamava Antonio Gramsci.

Perché Grillo non le sta simpatico?

Non mi convincono alcune sue affermazioni sui lavoratori migranti. Inoltre, ho visto una certa mancanza di volontà politica nel disciplinare democraticamente l’economia. Per questo lo vedo con un po’ di distacco.

Come valuta invece gli ultimi anni della sinistra italiana?

Analizzare la sinistra italiana è sempre complicato, direi quasi impossibile. E’ triste e strano allo stesso tempo, vedere che il Paese con il partito comunista più forte della storia dell’Europa occidentale si ritrovi in questa situazione. Ma ciò dimostra che lo scenario politico è cambiato e che le vecchie categorie analitiche non servono più per contendersi quel senso comune generale di cui parlava Gramsci. Per realizzare qualsiasi progetto politico serve un’egemonia culturale. In questo senso, la sinistra italiana ha sicuramente perso tante occasioni.

Cosa vuol dire?

Voglio dire che per capire l’Italia non basta l’analisi delle classi sociali. Si deve afferrare il significato del cattolicesimo, delle tradizioni rurali, della relazione tra sud e nord. In altre parole il senso comune è sempre qualcosa di conteso. Per questo si compete per l’utilizzo di parole come “giustizia”, “democrazia”o “popolo”.

Sì, ma con le parole non si cambia la realtà…

Non è vero. Guardi cosa sta accadendo in America Latina. Alcuni conservatori europei, sono convinti che in quel continente la sinistra stia vincendo le elezioni. In realtà, dalla Bolivia, al Venezuela fino ad arrivare all’Argentina, si tratta di progetti di trasformazione nazional-popolari che, con un determinato linguaggio, sono riusciti a creare una maggioranza sociale in un contesto molto difficile. Ma l’obiettivo di fondo rimante sempre lo stesso: effettuare politiche economiche e pubbliche redistributive. Ciò va al di là della parola sinistra.

Quindi anche voi ambite alla maggioranza sociale, al famoso 50 + 1% ? Non è un’utopia?

In politica non esistono scenari prestabiliti. In Spagna, il 15M ha dimostrato che lo scenario politico è cambiato. Noi abbiamo interpretato le dicotomie “oligarchia-democrazia”, “dal basso – dall’alto”, “casta – cittadinanza”. Così si può vincere, diventare maggioranza e, attraverso gli strumenti amministrativi pubblici, effettuare politiche redistributive.

E il voto utile?

I conservatori che insistono nel dire che esistono soltanto due opzioni di voto, rispettivamente per i liberal-democratici e per i social-democratici, non ammettono che, in entrambi casi, l’elettore è destinato a perdere politicamente. Da qui la nostra vocazione che ribadiamo dal principio: non vogliamo essere una forza politica subalterna. Siamo nati per vincere e diventare maggioranza. Possiamo riuscirci e cercheremo di farlo.

Ora siete entrati nel Parlamento europeo. In Italia però, si dice che i movimenti sociali non si rappresentano …

E’ vero. Sebbene Podemos non sarebbe nato senza il 15M, è impossibile rappresentare un movimento sociale. E noi non siamo i rappresentanti del 15M. Piuttosto sono i movimenti che ci rappresentano.

Perché siete entrati nel GUE?

Perché per noi è fondamentale chiedere che i Paesi siano sovrani dei loro destini e garantire la priorità dei diritti sociali. Crediamo che soltanto attraverso questo gruppo parlamentare si possa spiegare e dimostrare come l’Europa possa essere governata in maniera diversa.

Per Alexis Tsipras l’euro non è in discussione, per voi?

Se l’euro diventerà una moneta controllata da e per i cittadini europei, a noi sta bene. Se invece continuerà a essere lo strumento dei poteri finanziari europei, di un Banca Centrale senza controllo democratico, allora non serve più. Ma non siamo dogmatici rispetto alla questione. Le parole d’ordine rimangono “sovranità” e “interessi dei cittadini”. Partendo da qui si può anche riorganizzare la politica monetaria europea.

(Left, 28.06.2014)