Verso Brexit: le notizie degli ultimi giorni per non perdere il filo

La notizia calda di oggi è che il Partito nazionalista scozzese (SNP) ha preso una posizione dura contro il Primo ministro britannico, Theresa May (Partito conservatore). Più precisamente, l’SNP ha annunciato che voterà contro l’accordo sulla Brexit a Westminster se il Governo non riuscità a garantire la permanenza del Regno Unito nel Mercato unico o nell’Unione doganale.

Il Primo ministro scozzese, Nicola Sturgeon (SNP), ha ribadito che appoggerebbe un secondo referendum sulla Brexit. Non è chiaro però, se questo potenziale (ma improbabile) secondo voto verrebbe legato a una nuova consultazione sull’indipendenza della Scozia dal Regno Unito. Intanto, sabato scorso, migliaia di cittadini hanno riempito le strade di Edimburgo per rivendicare un affrancamento da Londra.

Scottish independence supporters rally in Edinburgh - The Guardian

SNP could back second Brexit referendum tied to independence vote - The Guardian

SNP delivers Brexit ultimatum to Theresa May - The Guardian
Brexit, che impresa

L’altra notizia di questo inizio settimana riguarda il livello di preoccupazione delle imprese britanniche rispetto alla Brexit. Secondo uno studio della società di consulenza, Deloitte, sarebbe al livello “più alto” dal voto del 2016.

Brexit anxiety for businesses 'at highest since referendum' - The Guardian

Nonostante i nervi tesi tra “britannici”, negli ultimi dieci giorni, i toni  tra Bruxelles e Downing Street sono stati quasi “conciliatori”. Per esempio, il Presidente della Commissione europea (CE), Jean Claude Juncker, ha detto che è possibile raggiungere un accordo entro qualche settimana.

Ma, alla luce di quanto scritto sopra, rimane centrale la questione: che tipo di accordo arriverà sui banchi del Parlamento di Londra? E chi voterà a favore? Il Parlamento britannico dovrà infatti approvare qualsiasi tipo do accordo sulla Brexit.

EU-Austritt Großbritanniens: Juncker rechnet mit Brexit-Einigung in wenigen Wochen -  Der Spiegel
Nei corridoi di Westminster

Secondo un report del The Guardian, di fronte alle preoccupazioni e possibili defezioni, da un lato, dell’SNP, e, dall’altro, di numerosi conservatori che vorrebbero, invece, un’uscita senza se e senza ma dall’Ue, Theresa May avrebbe avviato una campagna di corteggiamento dei deputati del partito di opposizione laburista.

Continua a leggere l’articolo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *