Da Calcutta alla Finlandia, passando per i The Zen Circus: le identità locali contano

Basta ascoltare i testi o le interviste per rendersi conto di quanto questi artisti siano mossi da ideali ben diversi, se non radicalmente progressisti. Ma ciò non toglie che il malessere, la nostalgia di un mondo più “a misura d’uomo”, o, forse, più correttamente, la “dignificazione della dimensione locale” scandiscano i testi dei cantautori contemporanei.

La storia italiana del novecento ci dice che non è così, ma l’ascesa e il declino recente dell’“Italia rossa” – le regioni di Emilia Romagna, Toscana e Umbria –  sono la manifestazione più evidente di come l’ideologia sia un collante, a patto che esista qualcos’altro: lo sviluppo economico diffuso. Se il primo fattore è funzionale a quest’ultmo, tanto meglio. Altrimenti, gli elettori guardano altrove, a chi offre dignità e speranza.

E se per molti potrebbe sembrare scontato, è pur vero che nel corso degli ultimi anni abbiamo assistito silenziosamente allo spopolamento delle nostre province, la riduzione continua di produttività delle aree interne del Belpaese a favore di quelle che sono state definite smart city. Come se tutto fosse inevitabile e intelligente.

Sarebbe scorretto dire che le istituzioni non siano al corrente di questa dinamica o che non abbiano provato, almeno formalmente, ad affrontare il problema. Per esempio, sono stati creati e continuano ad esistere fondi dedicati proprio al principio dell’integrità territoriale. Primo fra tutti, c’è il Fondo di coesione dell’Unione europea. A livello nazionale, abbiamo addirittura un ministero apposito, quello dedicato alla coesione territoriale: oggi lo guida Barbara Lezzi del M5S.

Si tratta però di dispositivi istituzionali dalla dubbia efficacia. Nel 2016 (a distanza di decenni dall’attivazione dei fondi europei), Il Sole 24 oreriprendeva così il Rapporto sulla competitività delle aree urbane 2016 di Sinloc (Sistema iniziative locali):

“Il rapporto fotografa e analizza la situazione dei singoli territori del Paese da più punti di vista: economico, demografico, urbanistico e ambientale. A minare la competitività dei territori è anzitutto il forte calo demografico, oramai divenuto emergenza […] c’è un costante e inarrestabile spopolamento dei centri minori, soprattutto quelli con meno di 5mila residenti, nei quali vivono oggi più di dieci milioni di abitanti, con conseguenti impatti sociali, economici e ambientali, ed è sempre più evidente la fragilità delle periferie dei grandi centri urbani”.

Chi è rimasto a difendere le province? Praticamente nessuno. Negli ultimi anni, sono state individuate come emblema dello spreco amministrativo italiano: troppe ed inutili. Meglio abolirle. In cambio, si viaggia verso il concetto delle macro-regioni.

A dire il vero, qualche voce fuori dal coro c’è. In I giovani salveranno l’Italia, il libro scritto a più mani dall’associazione Senso Comune, un capitolo tratta il tema. Sintetizzando al massimo, le province sono viste – a differenza delle regioni – come il livello amministrativo dalla dimensione ideale per garantire una partecipazione democratica attiva dei cittadini alla politica.

Ma al di là delle formule amministrative e delle disquisizioni sugli assetti istituzionali ideali, rimangono le condizioni reali: la Provincia italiana decade in termini di produttività e ricchezza, a fronte di un processo centripeto che favorisce le metropoli. Che la preoccupazione per il destino delle realtà locali non sia un fenomeno prettamente italiano non lo dimostrano soltanto i macro-fenomeni politici, bensì alcune ricerche.

All’estremo opposto di questa Europa, in Finlandia, un recente sondaggio ha fatto emergere un dato interessante: il 79 percento dei cittadini finlandesi è favorevole affinché lo Stato si impegni a mantenere popolate le aree rurali. Come? Attraverso investimenti diffusi.

Secondo Juho Rahkonen, il direttore di Taloustutkimus, l’ente che ha condotto lo studio per conto dell’emittente pubblica, Yle, appare chiaro che “i finlandesi vogliono usare il potere politico nazionale per guidare lo sviluppo economico e non desiderano che le forze del mercato dividano oltremodo la società”. Rahkonen ha spiegato che “esiste un desiderio di tenere tutti i cittadini ‘sulla stessa barca’, anche qualora ciò implicasse politiche assistenziali a spese dello Stato”.

Sono affermazioni che, probabilmente, coglierebbero nel segno anche dalle nostre parti, indipendentemente dal colore politico, a partire dai fan di Calcutta e co.

Photo CC Flickr: Bruno

(ilSalto, 27.07.2018)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *